Visita al Reggimento Nizza Cavelleria a Bellinzago

6 ottobre 2014

“Abbiamo trovato una struttura all’altezza della storia del Reggimento”

Si è svolta lunedì 6 ottobre la visita della Senatrice Magda Zanoni al Reggimento Nizza Cavalleria a Bellinzago Novarese.

“Ho voluto constare di persona, grazie al diritto riconosciuto ai Senatori di poter visitare le Caserme italiane, l’attuale collocazione del Reggimento – ha spiegato la Senatrice Zanoni -. Lo spostamento del Nizza Cavalleria da Pinerolo è stata una scelta difficile da accettare, ma almeno abbiamo chiesto, insieme all’Amministrazione Comunale, che fossero riservati un’accoglienza e un trattamento all’altezza dello storico Reggimento. Mi ero assunta l’impegno di una verifica personale.
Devo quindi dire di essere molto soddisfatta di questa visita ufficiale a Bellinzago. Insieme alla collega Senatrice della zona, Elena Ferrara, abbiamo trovato un’accoglienza eccellente e spazi e strutture di grande qualità. Ho apprezzato il lavoro portato avanti dal 92 ° Comandante Stefano Scanu e da tutti i componenti del Reggimento, che hanno saputo far rivivere gli spazi presenti a Pinerolo, anche a Bellinzago. La Caserma è un esempio di efficienza e anche i numeri restituiscono il quadro dell’importanza della realtà che abbiamo visitato: 560 militari del Reggimento, un’area di Caserma di 100 ettari, un’area addestrativa di 430 ettari, spazi per allenamenti, palestra, piscina, un teatro,
ampie aree verdi e tutto il necessario per un addestramento di alto livello.
Ho anche apprezzato l’integrazione che si sta portando avanti con il territorio circostante, come dimostra la messa a disposizione di strutture come la piscina e le aree verdi, al servizio della collettività.  Il Comandante Scanu mi ha confermato che a Pinerolo manterrà il centro di Equitazione e cercherà di rafforzare sempre di più il legame di queste due strutture.
Abbiamo assunto reciprocamente l’impegno di provare a cogliere gli aspetti positivi di questo trasferimento, mettendo le basi per un rapporto costante tra Pinerolo e Bellinzago. Ci saranno dunque presto altre occasioni di confronto e di conoscenza”.

 

Guarda la galleria fotografica della visita